Blog Equivalenti Profumi

Come far durare il profumo più a lungo? I consigli di Profumi San Marino

Il primo bacio, il primo amore, l’indimenticabile giorno in cui abbiamo indossato l’abito bianco, quell’amico che ora vive dall’altra parte del mondo, il nostro vestito preferito: i profumi sono in grado di stimolare emozioni, ricordi, sensazioni. Quasi tutti gli studi in materia hanno dimostrato come le fragranze e gli odori che emaniamo siano in grado di alterare la percezione che il cervello ha della bellezza che ci circonda. Non sorprende quindi che, quando ci accorgiamo che il nostro profumo non emana più quell’essenza tipica delle prime ore in cui lo indossiamo, ci troviamo come spaesati, persi. E le domande su come far durare il profumo più a lungo riempiono il nostro cervello: quello che ricerchiamo è essere, in fondo, noi stessi.
Capiamo quindi insieme da cosa dipende questa durata e sveliamo qualche trucchetto per indurre la nostra pelle a mantenere quel fantastico aroma che ci identifica, ci rappresenta, il più a lungo possibile.

DA CHE COSA DIPENDE LA DURATA DEL TUO PROFUMO

La durata di una fragranza segue un insieme di variabili diverse, che unite daranno la somma di quanto tempo l’essenza rimarrà sulla pelle. In particolare, possiamo riassumerle in alcuni punti:

  • le zone del nostro corpo dove abbiamo spruzzato il profumo;
  • la temperatura della nostra pelle e il suo PH.

In un mercato che presenta una varietà di profumi infiniti tra cui scegliere, capire quale potrà durare più a lungo è impresa ardua. Qualche regola di base però possiamo rinvenirla nelle componenti di base di cui un profumo è composto: ad esempio, le fragranze agrumate e floreali tendono a dissolversi più rapidamente rispetto a quelle speziate e legnose, che risultano essere più durature sulla pelle.
Un altro essenziale fattore da considerare è la differenza tra eau de parfum ed eau de toilette: la concentrazione di alcool e di oli essenziali, molto maggiori nei primi rispetto ai secondi, ha dei chiari effetti sulla persistenza. Nel nostro ricco catalogo di profumi equivalenti, potrai trovare tante scelte diverse di fragranze e tipi di oli essenziali utilizzati, in modo da giungere, grazie anche a questi consigli, alla miglior scelta del tuo profumo.

Definito il quadro teorico, vediamo ora qualche trucchetto di sicura efficacia per far durare il tuo profumo più a lungo!

COME FAR DURARE IL PROFUMO PIÙ A LUNGO? VIETATO STROFINARE I POLSI!

Uno dei classici gesti che tutti compiamo nell’indossare un profumo è spruzzarlo prima di tutto sui polsi e poi strofinarcelo lungo tutta la lunghezza del braccio, talvolta portando anche una delle due mani al collo. Questo è uno degli errori più diffusi: è provato scientificamente che lo strofinamento rompe le molecole delle note di testa, che già tendono a svanire rapidamente, rendendole ancora più fievoli.
Di conseguenze, qual è la prima regola per far durare un profumo più a lungo? Evitare questa pratica.

COME FAR DURARE IL PROFUMO PIÙ A LUNGO? SUI TESSUTI, PER UNA FRAGRANZA CHE DURI TUTTO IL GIORNO

La storia e l’esperienza sanno spesso insegnarci le migliore pratiche da adottare per risolvere i nostri problemi.
Questo è vero anche nel caso dei profumi: nel XVIII secolo, si era soliti applicare la fragranza anche sui vestiti per profumare a lungo, una pratica oggi dimenticata, per evitare macchie e aloni.
Ecco quindi il secondo trucco per far durare il vostro profumo più a lungo: spruzzate la fragranza a una distanza di 30 centimetri sui vostri abiti, oppure capovolgete i vostri vestiti, spruzzare il profumo nell’aria e passare i capi nella nube che si creerà, per poi rigirarli nel verso corretto e indossarli. In questo modo i capi non si macchieranno e le fibre assorbiranno il profumo mantenendolo “attivo” nell’arco di tutta la giornata.

DOVE APPLICARE IL TUO PROFUMO: CAPELLI, GINOCCHIA E GOMITI

Altro trucco è capire quali zone del corpo sono in grado di “trattenere” di più le nostre amate fragranze. Spesso, queste coincidono con i “punti caldi”, ossia quelle parti del corpo che tendono a riscaldarsi maggiormente.
Seguendo questo assunto, sono i capelli e le parti interne di ginocchia e gomiti ad essere più indicate per l’applicazione delle nostre fragranze.

COME FAR DURARE IL PROFUMO PIU’ A LUNGO: CONSERVAZIONE

Chiudiamo questa lunga disamina su come far durare il profumo più a lungo con due consigli sulla conservazione.
Anzitutto bisogna tener lontano la propria boccetta da fonti di calore, sbalzi di temperatura e umidità, che rompono le molecole e riducono l’intensità dell’essenza. Meglio prediligere aree fresche e asciutte, tenere le boccette nelle scatole e lontano dal sole. Seguendo queste indicazioni, capirai che conservare i propri profumi in bagno è sbagliatissimo!
Le luci e l’umidità renderanno le vostre fragranze facilmente evanescenti.

E ora che hai a disposizione solo i miglior consigli da chi ha fatto della vendita dei profumi la sua professione e passione di vita, visita il nostro catalogo e effettua la scelta più giusta!