Blog Equivalenti Profumi

Profumi di primavera: come cambia il nostro beauty case durante la bella stagione

Profumi equivalenti di primavera

Cambia la stagione, cambia il profumo! Non sempre è così: c’è chi preferisce indossare la sua essenza prediletta tutto l’anno, ma per tantissime persone, il ritorno delle lunghe giornate di sole coincide con l’abbandonare gli ingredienti più intensi dell’inverno, puntando sulla freschezza, il senso di pulito, l’armonia floreale. Ecco perché non è scontato dedicare un articolo del nostro blog ai profumi che di solito amiamo indossare durante la primavera.

Profumi della bella stagione: il ritorno delle fragranze floreali

Come si sceglie un profumo di primavera che continui a meravigliarci nel tempo? A cosa dobbiamo stare attenti mentre lo annusiamo?
Quando si pensa a una fragranza che concilia perfettamente il cambio di stagione, i fiori sono subito la prima cosa che ci viene in mente. Iris, mughetto,margherite,neroli, ma anche fiori di ciliegio e in più generale di giardino: un mix perfetto in grado di adattarsi perfettamente al cambio di colori e alle nuove temperature, che richiedono più che mai freschezza ed energia.
Analizziamo insieme la ricca storia di queste note, insieme a qualche consiglio da seguire per scegliere il profumo di primavera che fa per voi!

Profumi di primavera: Neroli e Fiori di Ciliegio

Il neroli, che a tratti ricorda il bergamotto, è un olio essenziale ottenuto per distillazione ad acqua dai fiori di arancio amaro. La sua fragranza, leggermente agrumata, è spesso affiancata da frutti come limone e arance ed è presente in molti profumi ispirati al Mediterraneo, come Breathless di Victoria Secret o la celebre Acqua di Giò di Giorgio Armani.
Il fiore di ciliegio è invece una nota ancor più delicata, per questo viene rafforzato spesso nei profumi di primavera da altri ingredienti più corposi, siano essi frutti, fiori o legni. Alcuni esempi? Signorina, la fragranza femminile di Salvatore Ferragamo, ma anche molte delle essenze di Yves Saint Laurent.

Profumi di bella stagione: Mughetto e Iris

Letteralmente definito come il “Giglio di maggio”, il nome mughetto nasconde tanti significati e tutti legati alla sua fioritura di metà primavera. Simbolo di innocenza e purezza, presenta non poche difficoltà nell’estrarne l’aroma, in quanto il sapore è poco intenso. La particolarità è quella di fornire un senso di pulito alla fragranza, che possiamo ritrovare in profumi come Hypnotic Poison o Diorissimo di Christian Dior.
Non troppo dissimile e presente nelle varianti Fiorentina e Pallida è invece l’Iris. L’essenza è ottenuta dal rizoma, la cui raccolta artigianale inizia a fine luglio in Toscana. Amatissimo da Caterina de Medici, l’Iris è tra le note olfattive di maggior pregio nella profumeria ed è molto costoso. Lo ritroviamo in quasi tutti i profumi di Bulgari e nelle fragranze femminili di Gucci.

Scegliere il giusto profumo per la nuova stagione

Ed ecco, infine, qualche semplice consiglio dallo staff di Profumi di San Marino per scegliere la vostra nuova essenza di primavera:
✔effettua la tua scelta quando fuori c’è il sole. Il sole sulla pelle è uno degli odori più affascinanti che esistono in natura e scegliere la fragranza quando fuori c’è bel tempo ti permetterà di capire come può evolvere la fragranza all’aria aperta e quando interagirai con gli altri;
✔con l’amica/o? Dipende solo da te! La scelta di un profumo può essere anche un momento da condividere con un’amica, ma è assolutamente necessario essere calmi e lucidi, oltre ad avere tutto il tempo che serve per capire se la fragranza è quella che ci rappresenta veramente;
✔cambia il profumo, ma senza fretta. Prendersi del tempo, come già accennato, è il miglior consiglio che possiamo darvi, per effettuare la miglior scelta!